Perché serve un’agenda industriale per il Made in Italy

Fxe_Made in Italy_centro studi

Perché serve un’agenda industriale per il Made in Italy

Secondo recenti elaborazioni della Fondazione Edison (su dati ISTAT), il valore aggiunto della manifattura italiana è cresciuto tra il 2014 e il 2017 del 7.4%, circa il doppio della crescita complessiva del PIL italiano nello stesso periodo.
Il valore aggiunto, lo ricordiamo, è un indice che misura il differenziale tra il valore di una produzione e i costi per l’acquisto degli input produttivi necessari alla realizzazione della produzione stessa.
È dunque un indicatore di redditività molto importante e, per un paese come l’Italia caratterizzato da un alto costo del lavoro, significa che il premium price applicato dalle nostre imprese ai propri manufatti viene riconosciuto e assorbito dal mercato globale.
L’importanza delle performance delle imprese del Made in Italy sono ancora più evidenti se comparate con quelle registrate da imprese francesi, inglesi e tedeschi.
Guardando infatti al 2017, il valore aggiunto generato dalle imprese italiane è cresciuto del 3.8% su base annua, contro il 2.7% della imprese operanti in Germania e l’1.7% di quelle attive in Francia.
A dispetto di risultati, che sono in controtendenza rispetto al desolante quando macroeconomico nazionale, registriamo tuttavia una marcata assenza di politiche industriali orientate a supportare la crescita delle medie imprese del Made in Italy.
L’istruzione e la ricerca, due aspetti che Fabbrica per l’Eccellenza ha spesso evidenziato come funzionali alla competitività delle imprese italiane, occupano una posizione marginale nel dibattito pubblico e politico attuale. Al contrario, viene dato crescente risalto al piano di nazionalizzazione di Alitalia o alle misure di supporto a favore delle micro imprese.
Le medie imprese italiane, vero motore della crescita economica italiana, sembrano ad oggi escluse da qualsiasi seria pianificazione strategica di medio e lungo periodo.
È tempo di pensare ad un’agenda industriale per il Made in Italy e le imprese eccellenti italiane.